Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Soleano i miei penser' soavemente

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Soleano i miei penser' soavemente

../Soleasi nel mio cor star bella et viva ../I' mi soglio accusare, et or mi scuso IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Soleasi nel mio cor star bella et viva I' mi soglio accusare, et or mi scuso

 
Soleano i miei penser’ soavemente
di lor obgetto ragionare inseme:
- Pietà s’appressa, e del tardar si pente;
forse or parla di noi, o spera, o teme. -

5Poi che l’ultimo giorno et l’ore extreme
spogliâr di lei questa vita presente,
nostro stato dal ciel vede, ode et sente:
altra di lei non è rimaso speme.

O miracol gentile, o felice alma,
10o beltà senza exempio altera et rara,
che tosto è ritornata ond’ella uscío!

Ivi à del suo ben far corona et palma
quella ch’al mondo sí famosa et chiara
fe’ la sua gran vertute, e ’l furor mio.