Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/E' mi par d'or in hora udire il messo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
E' mi par d'or in hora udire il messo

../Da' piú belli occhi, et dal piú chiaro viso ../Questo nostro caduco et fragil bene IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Da' piú belli occhi, et dal piú chiaro viso Questo nostro caduco et fragil bene

 
E’ mi par d’or in hora udire il messo
che madonna mi mande a sé chiamando:
cosí dentro et di for mi vo cangiando,
et sono in non molt’anni sí dimesso,

5ch’a pena riconosco omai me stesso;
tutto ’l viver usato ò messo in bando.
Sarei contento di sapere il quando,
ma pur dovrebbe il tempo esser da presso.

O felice quel dí che, del terreno
10carcere uscendo, lasci rotta et sparta
questa mia grave et frale et mortal gonna,

et da sí folte tenebre mi parta,
volando tanto su nel bel sereno,
ch’i’ veggia il mio Signore et la mia donna.