Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Da' piú belli occhi, et dal piú chiaro viso

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Da' piú belli occhi, et dal piú chiaro viso

../Donna che lieta col Principio nostro ../E' mi par d'or in hora udire il messo IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Da' piú belli occhi, et dal piú chiaro viso
Donna che lieta col Principio nostro E' mi par d'or in hora udire il messo

 
Da’ piú belli occhi, et dal piú chiaro viso
che mai splendesse, et da piú bei capelli,
che facean l’oro e ’l sol parer men belli,
dal piú dolce parlare et dolce riso,

5da le man’, da le braccia che conquiso
senza moversi avrian quai piú rebelli
fur d’Amor mai, da’ piú bei piedi snelli,
da la persona fatta in paradiso,

prendean vita i miei spirti: or n’à diletto
10il Re celeste, i Suoi alati corrieri;
et io son qui rimaso ignudo et cieco.

Sol un conforto a le mie pene aspetto:
ch’ella, che vede tutt’i miei penseri,
m’impetre grazia, ch’i’ possa esser seco.