Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Fresco, ombroso, fiorito et verde colle

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Fresco, ombroso, fiorito et verde colle

../Mira quel colle, o stanco mio cor vago ../Il mal mi preme, et mi spaventa il peggio IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Mira quel colle, o stanco mio cor vago Il mal mi preme, et mi spaventa il peggio

 
Fresco, ombroso, fiorito et verde colle,
ov’or pensando et or cantando siede,
et fa qui de’ celesti spirti fede,
quella ch’a tutto ’l mondo fama tolle:

5il mio cor che per lei lasciar mi volle
(et fe’ gran senno, et piú se mai non riede)
va or contando ove da quel bel piede
segnata è l’erba, et da quest’occhi è molle.

Seco si stringe, et dice a ciascun passo:
10Deh fusse or qui quel miser pur un poco,
ch’è già di pianger et di viver lasso!

Ella sel ride, et non è pari il gioco:
tu paradiso, i’ senza cor un sasso,
o sacro, aventuroso et dolce loco.