Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Mira quel colle, o stanco mio cor vago

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mira quel colle, o stanco mio cor vago

../L'alto signor dinanzi a cui non vale ../Fresco, ombroso, fiorito et verde colle IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

L'alto signor dinanzi a cui non vale Fresco, ombroso, fiorito et verde colle

 
- Mira quel colle, o stanco mio cor vago:
ivi lasciammo ier lei, ch’alcun tempo ebbe
qualche cura di noi, et le ne ’ncrebbe,
or vorria trar de li occhi nostri un lago.

5Torna tu in là, ch’io d’esser sol m’appago;
tenta se forse anchor tempo sarebbe
da scemar nostro duol, che ’nfin qui crebbe,
o del mio mal participe et presago.

- Or tu ch’ài posto te stesso in oblio
10et parli al cor pur come e’ fusse or teco,
miser, et pien di pensier’ vani et sciocchi!

ch’al dipartir dal tuo sommo desio
tu te n’andasti, e’ si rimase seco,
et si nascose dentro a’ suoi belli occhi.