Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/L'alto signor dinanzi a cui non vale

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'alto signor dinanzi a cui non vale

../I' ò pregato Amor, e 'l ne riprego ../Mira quel colle, o stanco mio cor vago IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

I' ò pregato Amor, e 'l ne riprego Mira quel colle, o stanco mio cor vago

 
L’alto signor dinanzi a cui non vale
nasconder né fuggir, né far difesa,
di bel piacer m’avea la mente accesa
con un ardente et amoroso strale;

5et benche ’l primo colpo aspro et mortale
fossi da sé, per avanzar sua impresa
una saetta di pietate à presa,
et quinci et quindi il cor punge et assale.

L’una piaga arde, et versa foco et fiamma;
10lagrime l’altra che ’l dolor distilla,
per li occhi mei, del vostro stato rio:

né per duo fonti sol una favilla
rallenta de l’incendio che m’infiamma,
anzi per la pietà, cresce ’l desio.