Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/I' ò pregato Amor, e 'l ne riprego

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
I' ò pregato Amor, e 'l ne riprego

../Là ver' l'aurora, che sí dolce l'aura ../L'alto signor dinanzi a cui non vale IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Là ver' l'aurora, che sí dolce l'aura L'alto signor dinanzi a cui non vale

 
I’ ò pregato Amor, e ’l ne riprego,
che mi scusi appo voi, dolce mia pena,
amaro mio dilecto, se con piena
fede dal dritto mio sentier mi piego.

5I’ nol posso negar, donna, et nol nego,
che la ragion, ch’ogni bona alma affrena,
non sia dal voler vinta; ond’ei mi mena
talor in parte ov’io per forza il sego.

Voi, con quel cor, che di sí chiaro ingegno,
10di sí alta vertute il cielo alluma,
quanto mai piovve da benigna stella,

devete dir, pietosa et senza sdegno:
Che pò questi altro? il mio volto il consuma:
ei perché ingordo, et io perché sí bella?