Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Già desïai con sí giusta querela

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Già desïai con sí giusta querela

../Tutto 'l dí piango; et poi la notte, quando ../Tra quantunque leggiadre donne et belle IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Tutto 'l dí piango; et poi la notte, quando Tra quantunque leggiadre donne et belle

 
Già desïai con sí giusta querela
e ’n sí fervide rime farmi udire,
ch’un foco di pietà fessi sentire
al duro cor ch’a mezza state gela;

5et l’empia nube, che ’l rafredda et vela,
rompesse a l’aura del mi’ ardente dire;
o fessi quell’altrui in odio venire,
che ’ belli, onde mi strugge, occhi mi cela.

Or non odio per lei, per me pietate
10cerco: ché quel non vo’, questo non posso
(tal fu mia stella, et tal mia cruda sorte);

ma canto la divina sua beltate,
ché, quand’i’ sia di questa carne scosso,
sappia ’l mondo che dolce è la mia morte.