Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Tutto 'l dí piango; et poi la notte, quando

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Tutto 'l dí piango; et poi la notte, quando

../In nobil sangue vita humile et queta ../Già desïai con sí giusta querela IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Tutto 'l dí piango; et poi la notte, quando
In nobil sangue vita humile et queta Già desïai con sí giusta querela

 
Tutto ’l dí piango; et poi la notte, quando
prendon riposo i miseri mortali,
trovomi in pianto, et raddoppiansi i mali:
cosí spendo ’l mio tempo lagrimando.

5In tristo humor vo li occhi comsumando,
e ’l cor in doglia; et son fra li animali
l’ultimo, sí che li amorosi strali
mi tengon ad ogni or di pace in bando.

Lasso, che pur da l’un a l’altro sole,
10et da l’una ombra a l’altra, ò già ’l piú corso
di questa morte, che si chiama vita.

Piú l’altrui fallo che ’l mi’ mal mi dole:
ché Pietà viva, e ’l mio fido soccorso,
vèdem’ arder nel foco, et non m’aita.