Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Già fiammeggiava l'amorosa stella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXIII

../Quanto piú m'avicino al giorno extremo ../Apollo, s'anchor vive il bel desio IncludiIntestazione 17 luglio 2008 100% poesie

Quanto piú m'avicino al giorno extremo Apollo, s'anchor vive il bel desio

 
Già fiammeggiava l’amorosa stella
per l’orïente, et l’altra che Giunone
suol far gelosa nel septentrïone,
rotava i raggi suoi lucente et bella;

levata era a filar la vecchiarella,5
discinta et scalza, et desto avea ’l carbone,
et gli amanti pungea quella stagione
che per usanza a lagrimar gli appella:

quando mia speme già condutta al verde
giunse nel cor, non per l’usata via,10
che ’l sonno tenea chiusa, e ’l dolor molle;

quanto cangiata, oimè, da quel di pria!
Et parea dir: Perché tuo valor perde?
Veder quest’occhi anchor non ti si tolle.