Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Quanto piú m'avicino al giorno extremo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXXII

../Questa anima gentil che si diparte ../Già fiammeggiava l'amorosa stella IncludiIntestazione 17 luglio 2008 100% poesie

Questa anima gentil che si diparte Già fiammeggiava l'amorosa stella

 
Quanto piú m’avicino al giorno extremo
che l’umana miseria suol far breve,
piú veggio il tempo andar veloce et leve,
e ’l mio di lui sperar fallace et scemo.

I’ dico a’ miei pensier’: Non molto andremo5
d’amor parlando omai, ché ’l duro et greve
terreno incarco come frescha neve
si va struggendo; onde noi pace avremo:

perché co·llui cadrà quella speranza
che ne fe’ vaneggiar sí lungamente,10
e ’l riso e ’l pianto, et la paura et l’ira;

sí vedrem chiaro poi come sovente
per le cose dubbiose altri s’avanza,
et come spesso indarno si sospira.