Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/I begli occhi ond'i' fui percosso in guisa

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
I begli occhi ond'i' fui percosso in guisa

../Io son già stanco di pensar sí come ../Amor con sue promesse lusingando IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

I begli occhi ond'i' fui percosso in guisa
Io son già stanco di pensar sí come Amor con sue promesse lusingando

 
I begli occhi ond’i’ fui percosso in guisa
ch’e’ medesmi porian saldar la piaga,
et non già vertú d’erbe, o d’arte maga,
o di pietra dal mar nostro divisa,

5m’ànno la via sí d’altro amor precisa,
ch’un sol dolce penser l’anima appaga;
et se la lingua di seguirlo è vaga,
la scorta pò, non ella, esser derisa.

Questi son que’ begli occhi che l’imprese
10del mio signor victorïose fanno
in ogni parte, et piú sovra ’l mio fianco;

questi son que’ begli occhi che mi stanno
sempre nel cor colle faville accese,
per ch’io di lor parlando non mi stanco.