Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Io son già stanco di pensar sí come

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Io son già stanco di pensar sí come

../Poi che per mio destino ../I begli occhi ond'i' fui percosso in guisa IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Poi che per mio destino I begli occhi ond'i' fui percosso in guisa

 
Io son già stanco di pensar sí come
i miei pensier’ in voi stanchi non sono,
et come vita anchor non abbandono
per fuggir de’ sospir’ sí gravi some;

5et come a dir del viso et de le chiome
et de’ begli occhi, ond’io sempre ragiono,
non è mancata omai la lingua e ’l suono
dí et notte chiamando il vostro nome;

et che’ pie’ miei non son fiaccati et lassi
10a seguir l’orme vostre in ogni parte
perdendo inutilmente tanti passi;

et onde vien l’enchiostro, onde le carte
ch’i’ vo empiendo di voi: se ’n ciò fallassi,
colpa d’Amor, non già defecto d’arte.