Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/I dí miei piú leggier' che nesun cervo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
I dí miei piú leggier' che nesun cervo

../Al cader d'una pianta che si svelse ../Sento l'aura mia anticha, e i dolci colli IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Al cader d'una pianta che si svelse Sento l'aura mia anticha, e i dolci colli

 
I dí miei piú leggier’ che nesun cervo,
fuggîr come ombra, et non vider piú bene
ch’un batter d’occhio, et poche hore serene,
ch’amare et dolci ne la mente servo.

5Misero mondo, instabile et protervo
del tutto è cieco chi ’n te pon sua spene:
ché ’n te mi fu ’l cor tolto, et or sel tène
tal ch’è già terra, et non giunge osso a nervo.

Ma la forma miglior, che vive anchora,
10et vivrà sempre, su ne l’alto cielo,
di sue bellezze ogni or piú m’innamora;

et vo, sol in pensar, cangiando il pelo,
qual ella è oggi, e ’n qual parte dimora,
qual a vedere il suo leggiadro velo.