Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Sento l'aura mia anticha, e i dolci colli

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sento l'aura mia anticha, e i dolci colli

../I dí miei piú leggier' che nesun cervo ../É questo 'l nido in che la mia fenice IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

I dí miei piú leggier' che nesun cervo É questo 'l nido in che la mia fenice

 
Sento l’aura mia anticha, e i dolci colli
veggio apparire, onde ’l bel lume nacque
che tenne gli occhi mei mentr’al ciel piacque
bramosi et lieti, or li tèn tristi et molli.

5O caduche speranze, o penser’ folli!
Vedove l’erbe et torbide son l’acque,
et vòto et freddo ’l nido in ch’ella giacque,
nel qual io vivo, et morto giacer volli,

sperando alfin da le soavi piante
10et da begli occhi suoi, che ’l cor m’ànn’arso,
riposo alcun de le fatiche tante.

O’ servito a signor crudele et scarso:
ch’arsi quanto ’l mio foco ebbi davante,
or vo piangendo il suo cenere sparso.