Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/L'aura gentil, che rasserena i poggi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'aura gentil, che rasserena i poggi

../Pasco la mente d'un sí nobil cibo ../Di dí in dí vo cangiando il viso e 'l pelo IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Pasco la mente d'un sí nobil cibo Di dí in dí vo cangiando il viso e 'l pelo

 
L’aura gentil, che rasserena i poggi
destando i fior’ per questo ombroso bosco,
al soave suo spirto riconosco,
per cui conven che ’n pena e ’n fama poggi.

5Per ritrovar ove ’l cor lasso appoggi,
fuggo dal mi’ natio dolce aere tosco;
per far lume al penser torbido et fosco,
cerco ’l mio sole et spero vederlo oggi.

Nel qual provo dolcezze tante et tali
10ch’Amor per forza a lui mi riconduce;
poi sí m’abbaglia che ’l fuggir m’è tardo.

I’ chiedrei a scampar, non arme, anzi ali;
ma perir mi dà ’l ciel per questa luce,
ché da lunge mi struggo et da presso ardo.