Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Di dí in dí vo cangiando il viso e 'l pelo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di dí in dí vo cangiando il viso e 'l pelo

../L'aura gentil, che rasserena i poggi ../L'aura serena che fra verdi fronde IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Di dí in dí vo cangiando il viso e 'l pelo
L'aura gentil, che rasserena i poggi L'aura serena che fra verdi fronde

 
Di dí in dí vo cangiando il viso e ’l pelo,
né però smorso i dolce inescati hami,
né sbranco i verdi et invescati rami
de l’arbor che né sol cura né gielo.

5Senz’acqua il mare et senza stelle il cielo
fia inanzi ch’io non sempre tema et brami
la sua bell’ombra, et ch’i’ non odi et ami
l’alta piaga amorosa, che mal celo.

Non spero del mio affanno aver mai posa,
10infin ch’i’ mi disosso et snervo et spolpo,
o la nemica mia pietà n’avesse.

Esser pò in prima ogni impossibil cosa,
ch’altri che morte, od ella, sani ’l colpo
ch’Amor co’ suoi belli occhi al cor m’impresse.