Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/L'aura serena che fra verdi fronde

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'aura serena che fra verdi fronde

../Di dí in dí vo cangiando il viso e 'l pelo ../L'aura celeste che 'n quel verde lauro IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Di dí in dí vo cangiando il viso e 'l pelo L'aura celeste che 'n quel verde lauro

 
L’aura serena che fra verdi fronde
mormorando a ferir nel volto viemme,
fammi risovenir quand’Amor diemme
le prime piaghe, sí dolci profonde;

5e ’l bel viso veder, ch’altri m’asconde,
che sdegno o gelosia celato tiemme;
et le chiome or avolte in perle e ’n gemme,
allora sciolte, et sovra òr terso bionde:

le quali ella spargea sí dolcemente,
10et raccogliea con sí leggiadri modi,
che ripensando ancor trema la mente;

torsele il tempo poi in piú saldi nodi,
et strinse ’l cor d’un laccio sí possente,
che Morte sola fia ch’indi lo snodi.