Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/L'aura celeste che 'n quel verde lauro

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'aura celeste che 'n quel verde lauro

../L'aura serena che fra verdi fronde ../L'aura soave al sole spiega et vibra IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

L'aura serena che fra verdi fronde L'aura soave al sole spiega et vibra

 
L’aura celeste che ’n quel verde lauro
spira, ov’Amor ferí nel fianco Apollo,
et a me pose un dolce giogo al collo,
tal che mia libertà tardi restauro,

5pò quello in me che nel gran vecchio mauro
Medusa quando in selce transformollo;
né posso dal bel nodo omai dar crollo,
là ’ve il sol perde, non pur l’ambra, o l’auro:

dico le chiome bionde, e ’l crespo laccio,
10che sí soavemente lega et stringe
l’alma che d’umiltate e non d’altr’armo.

L’ombra sua sola fa ’l mio cor un ghiaccio,
et di bianca paura il viso tinge;
ma li occhi ànno vertú di farne un marmo.