Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Lasso, ch'i' ardo, et altri non me 'l crede

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lasso, ch'i' ardo, et altri non me 'l crede

../D'un bel chiaro polito et vivo ghiaccio ../Anima, che diverse cose tante IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Lasso, ch'i' ardo, et altri non me 'l crede
D'un bel chiaro polito et vivo ghiaccio Anima, che diverse cose tante

 
Lasso, ch’i’ ardo, et altri non me ’l crede;
sí crede ogni uom, se non sola colei
che sovr’ogni altra, et ch’i’ sola, vorrei:
ella non par che ’l creda, et sí sel vede.

5Infinita bellezza et poca fede,
non vedete voi ’l cor nelli occhi mei?
Se non fusse mia stella, i’ pur devrei
al fonte di pietà trovar mercede.

Quest’arder mio, di che vi cal sí poco,
10e i vostri honori, in mie rime diffusi,
ne porian infiammar fors’anchor mille:

ch’i’ veggio nel penser, dolce mio foco,
fredda una lingua et duo belli occhi chiusi
rimaner, dopo noi, pien’ di faville.