Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/D'un bel chiaro polito et vivo ghiaccio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
D'un bel chiaro polito et vivo ghiaccio

../Mia ventura et Amor m'avean sí adorno ../Lasso, ch'i' ardo, et altri non me 'l crede IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Mia ventura et Amor m'avean sí adorno Lasso, ch'i' ardo, et altri non me 'l crede

 
D’un bel chiaro polito et vivo ghiaccio
move la fiamma che m’incende et strugge,
et sí le vene e ’l cor m’asciuga et sugge
che ’nvisibilemente i’ mi disfaccio.

5Morte, già per ferire alzato ’l braccio,
come irato ciel tona o leon rugge,
va perseguendo mia vita che fugge;
et io, pien di paura, tremo et taccio.

Ben poria anchor Pietà con Amor mista,
10per sostegno di me, doppia colonna
porsi fra l’alma stancha e ’l mortal colpo;

ma io nol credo, né ’l conosco in vista
di quella dolce mia nemica et donna:
né di ciò lei, ma mia ventura incolpo.