Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Mia ventura et Amor m'avean sí adorno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mia ventura et Amor m'avean sí adorno

../Non pur quell'una bella ignuda mano ../D'un bel chiaro polito et vivo ghiaccio IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Non pur quell'una bella ignuda mano D'un bel chiaro polito et vivo ghiaccio

 
Mia ventura et Amor m’avean sí adorno
d’un bello aurato et serico trapunto,
ch’al sommo del mio ben quasi era aggiunto,
pensando meco: A chi fu quest’intorno?

5Né mi riede a la mente mai quel giorno
che mi fe’ ricco et povero in un punto,
ch’i’ non sia d’ira et di dolor compunto,
pien di vergogna et d’amoroso scorno,

che la mia nobil preda non piú stretta
10tenni al bisogno, et non fui piú costante
contra lo sforzo sol d’una angioletta;

o, fugendo, ale non giunsi a le piante,
per far almen di quella man vendetta
che de li occhi mi trahe lagrime tante.