Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Liete et pensose, accompagnate et sole

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Liete et pensose, accompagnate et sole

../Qual mio destìn, qual forza o qual inganno ../Quando 'l sol bagna in mar l'aurato carro IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Qual mio destìn, qual forza o qual inganno Quando 'l sol bagna in mar l'aurato carro

 
- Liete et pensose, accompagnate et sole,
donne che ragionando ite per via,
ove è la vita, ove la morte mia?
perché non è con voi, com’ella sòle?

5- Liete siam per memoria di quel sole;
dogliose per sua dolce compagnia,
la qual ne toglie Invidia et Gelosia,
che d’altrui ben, quasi suo mal, si dole.

- Chi pon freno a li amanti, o dà lor legge?
10- Nesun a l’alma; al corpo Ira et Asprezza:
questo or in lei, tal or si prova in noi.

Ma spesso ne la fronte il cor si legge:
sí vedemmo oscurar l’alta bellezza,
et tutti rugiadosi li occhi suoi.