Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Qual mio destìn, qual forza o qual inganno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Qual mio destìn, qual forza o qual inganno

../Onde tolse Amor l'oro, et di qual vena ../Liete et pensose, accompagnate et sole IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Qual mio destìn, qual forza o qual inganno
Onde tolse Amor l'oro, et di qual vena Liete et pensose, accompagnate et sole

 
Qual mio destìn, qual forza o qual inganno,
mi riconduce disarmato al campo,
là ’ve sempre son vinto? e s’io ne scampo,
meraviglia n’avrò; s’i’ moro, il danno.

5Danno non già, ma pro; sí dolci stanno
nel mio cor le faville e ’l chiaro lampo
che l’abbaglia et lo strugge, e ’n ch’io m’avampo,
et son già ardendo nel vigesimo anno.

Sento i messi di Morte, ove apparire
10veggio i belli occhi, et folgorar da lunge;
poi, s’avèn ch’appressando a me li gire,

Amor con tal dolcezza m’unge et punge,
ch’i’ nol so ripensar, nonché ridire:
ché né ’ngegno né lingua al vero agiunge.