Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Mie venture al venir son tarde et pigre

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mie venture al venir son tarde et pigre

../Se col cieco desir che 'l cor distrugge ../La guancia che fu già piangendo stancha IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Se col cieco desir che 'l cor distrugge La guancia che fu già piangendo stancha

 
Mie venture al venir son tarde et pigre,
la speme incerta, e ’l desir monta et cresce,
onde e ’l lassare et l’aspectar m’incresce;
et poi al partir son piú levi che tigre.

5Lasso, le nevi fien tepide et nigre,
e ’l mar senz’onda, et per l’alpe ogni pesce,
et corcherassi il sol là oltre ond’esce
d’un medesimo fonte Eufrate et Tigre,

prima ch’i’ trovi in ciò pace né triegua,
10o Amore o madonna altr’uso impari,
che m’ànno congiurato a torto incontra.

Et s’i’ ò alcun dolce, è dopo tanti amari,
che per disdegno il gusto si dilegua:
altro mai di lor gratie non m’incontra.