Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Mirando 'l sol de' begli occhi sereno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mirando 'l sol de' begli occhi sereno

../O Invidia nimica di vertute ../Fera stella (se 'l cielo à forza in noi IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

O Invidia nimica di vertute Fera stella (se 'l cielo à forza in noi

 
Mirando ’l sol de’ begli occhi sereno,
ove è chi spesso i miei depinge et bagna,
dal cor l’anima stanca si scompagna
per gir nel paradiso suo terreno.

5Poi trovandol di dolce et d’amar pieno,
quant’al mondo si tesse, opra d’aragna
vede: onde seco et con Amor si lagna,
ch’à sí caldi gli spron’, sí duro ’l freno.

Per questi extremi duo contrari et misti,
10or con voglie gelate, or con accese
stassi cosí fra misera et felice;

ma pochi lieti, et molti penser’ tristi,
e ’l piú si pente de l’ardite imprese:
tal frutto nasce di cotal radice.