Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Fera stella (se 'l cielo à forza in noi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Fera stella (se 'l cielo à forza in noi

../Mirando 'l sol de' begli occhi sereno ../Quando mi vène inanzi il tempo e 'l loco IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Mirando 'l sol de' begli occhi sereno Quando mi vène inanzi il tempo e 'l loco

 
Fera stella (se ’l cielo à forza in noi
quant’alcun crede) fu sotto ch’io nacqui,
et fera cuna, dove nato giacqui,
et fera terra, ove’ pie’ mossi poi;

5et fera donna, che con gli occhi suoi,
et con l’arco a cui sol per segno piacqui,
fe’ la piaga onde, Amor, teco non tacqui,
che con quell’arme risaldar la pôi.

Ma tu prendi a diletto i dolor’ miei:
10ella non già, perché non son piú duri,
e ’l colpo è di saetta, et non di spiedo.

Pur mi consola che languir per lei
meglio è, che gioir d’altra; et tu me ’l giuri
per l’orato tuo strale, et io tel credo.