Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Né per sereno ciel ir vaghe stelle

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Né per sereno ciel ir vaghe stelle

../Quel rosignol, che sí soave piagne ../Passato è 'l tempo omai, lasso, che tanto IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Quel rosignol, che sí soave piagne Passato è 'l tempo omai, lasso, che tanto

 
Né per sereno ciel ir vaghe stelle,
né per tranquillo mar legni spalmati,
né per campagne cavalieri armati,
né per bei boschi allegre fere et snelle;

5né d’aspettato ben fresche novelle
né dir d’amore in stili alti et ornati
né tra chiare fontane et verdi prati
dolce cantare honeste donne et belle;

né altro sarà mai ch’al cor m’aggiunga,
10sí seco il seppe quella sepellire
che sola agli occhi miei fu lume et speglio.

Noia m’è ’l viver sí gravosa et lunga
ch’i’ chiamo il fine, per lo gran desire
di riveder cui non veder fu ’l meglio.