Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Quel rosignol, che sí soave piagne

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Quel rosignol, che sí soave piagne

../Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena ../Né per sereno ciel ir vaghe stelle IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena Né per sereno ciel ir vaghe stelle

 
Quel rosignol, che sí soave piagne,
forse suoi figli, o sua cara consorte,
di dolcezza empie il cielo et le campagne
con tante note sí pietose et scorte,

5et tutta notte par che m’accompagne,
et mi rammente la mia dura sorte:
ch’altri che me non ò di ch’i’ mi lagne,
ché ’n dee non credev’io regnasse Morte.

O che lieve è inganar chi s’assecura!
10Que’ duo bei lumi assai piú che ’l sol chiari
chi pensò mai veder far terra oscura?

Or cognosco io che mia fera ventura
vuol che vivendo et lagrimando impari
come nulla qua giú diletta, et dura.