Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Non pò far Morte il dolce viso amaro

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Non pò far Morte il dolce viso amaro

../Ogni giorno mi par piú di mill'anni ../Quando il soave mio fido conforto IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Ogni giorno mi par piú di mill'anni Quando il soave mio fido conforto

 
Non pò far Morte il dolce viso amaro,
ma ’l dolce viso dolce pò far Morte.
Che bisogn’a morir ben altre scorte?
Quella mi scorge ond’ogni ben imparo;

5et Quei che del Suo sangue non fu avaro,
che col pe’ ruppe le tartaree porte,
col Suo morir par che mi riconforte.
Dunque vien’, Morte: il tuo venir m’è caro.

Et non tardar, ch’egli è ben tempo omai;
10et se non fusse, e’ fu ’l tempo in quel punto
che madonna passò di questa vita.

D’allor innanzi un dí non vissi mai:
seco fui in via, et seco al fin son giunto,
et mia giornata ò co’ suoi pie’ fornita.