Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Ogni giorno mi par piú di mill'anni

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ogni giorno mi par piú di mill'anni

../L'aura mia sacra al mio stanco riposo ../Non pò far Morte il dolce viso amaro IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

L'aura mia sacra al mio stanco riposo Non pò far Morte il dolce viso amaro

 
Ogni giorno mi par piú di mill’anni
ch’i’ segua la mia fida et cara duce,
che mi condusse al mondo, or mi conduce,
per miglior via, a vita senza affanni:

5et non mi posson ritener li ’inganni
del mondo, ch’i’ ’l conosco; et tanta luce
dentro al mio core infin dal ciel traluce
ch’i’ ’ncomincio a contar il tempo e i danni.

Né minaccie temer debbo di morte,
10che ’l Re sofferse con piú grave pena,
per farme a seguitar constante et forte;

et or novellamente in ogni vena
intrò di lei che m’era data in sorte,
et non turbò la sua fronte serena.