Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/L'aura mia sacra al mio stanco riposo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'aura mia sacra al mio stanco riposo

../O tempo, o ciel volubil, che fuggendo ../Ogni giorno mi par piú di mill'anni IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

O tempo, o ciel volubil, che fuggendo Ogni giorno mi par piú di mill'anni

 
L’aura mia sacra al mio stanco riposo
spira sí spesso, ch’i’ prendo ardimento
di dirle il mal ch’i’ò sentito et sento,
che, vivendo ella, non sarei stat’oso.

5I’ incomincio da quel guardo amoroso,
che fu principio a sí lungo tormento,
poi seguo come misero et contento,
di dí in dí, d’ora in hora, Amor m’à roso.

Ella si tace, et di pietà depinta,
10fiso mira pur me; parte sospira,
et di lagrime honeste il viso adorna:

onde l’anima mia dal dolor vinta,
mentre piangendo allor seco s’adira,
sciolta dal sonno a se stessa ritorna.