Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Non veggio ove scampar mi possa omai

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Non veggio ove scampar mi possa omai

../Nova angeletta sovra l'ale accorta ../Aventuroso piú d'altro terreno IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Nova angeletta sovra l'ale accorta Aventuroso piú d'altro terreno

 
Non veggio ove scampar mi possa omai:
sí lunga guerra i begli occhi mi fanno,
ch’i’ temo, lasso, no ’l soverchio affanno
distruga ’l cor che triegua non à mai.

5Fuggir vorrei; ma gli amorosi rai,
che dí et notte ne la mente stanno,
risplendon sí, ch’al quintodecimo anno
m’abbaglian piú che ’l primo giorno assai;

et l’imagine lor son sí cosparte
10che volver non mi posso, ov’io non veggia
o quella o simil indi accesa luce.

Solo d’un lauro tal selva verdeggia
che ’l mio adversario con mirabil arte
vago fra i rami ovunque vuol m’adduce.