Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Aventuroso piú d'altro terreno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Aventuroso piú d'altro terreno

../Non veggio ove scampar mi possa omai ../Lasso, quante fïate Amor m'assale IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Non veggio ove scampar mi possa omai Lasso, quante fïate Amor m'assale

 
Aventuroso piú d’altro terreno,
ov’Amor vidi già fermar le piante
ver’ me volgendo quelle luci sante
che fanno intorno a sé l’aere sereno,

5prima poria per tempo venir meno
un’imagine salda di diamante
che l’atto dolce non mi stia davante
del qual ò la memoria e ’l cor sí pieno:

né tante volte ti vedrò già mai
10ch’i’ non m’inchini a ricercar de l’orme
che ’l bel pie’ fece in quel cortese giro.

Ma se ’n cor valoroso Amor non dorme,
prega, Sennuccio mio, quando ’l vedrai,
di qualche lagrimetta, o d’un sospiro.