Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Lasso, quante fïate Amor m'assale

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lasso, quante fïate Amor m'assale

../Aventuroso piú d'altro terreno ../Persequendomi Amor al luogo usato IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Aventuroso piú d'altro terreno Persequendomi Amor al luogo usato

 
Lasso, quante fïate Amor m’assale,
che fra la notte e ’l dí son piú di mille,
torno dov’arder vidi le faville
che ’l foco del mio cor fanno immortale.

5Ivi m’acqueto; et son condotto a tale,
ch’a nona, a vespro, a l’alba et a le squille
le trovo nel pensier tanto tranquille
che di null’altro mi rimembra o cale.

L’aura soave che dal chiaro viso
10move col suon de le parole accorte
per far dolce sereno ovunque spira,

quasi un spirto gentil di paradiso
sempre in quell’aere par che mi conforte,
sí che ’l cor lasso altrove non respira.