Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/O d'ardente vertute ornata et calda

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
O d'ardente vertute ornata et calda

../Pommi ove 'l sole occide i fiori et l'erba ../Quando 'l voler che con duo sproni ardenti IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Pommi ove 'l sole occide i fiori et l'erba Quando 'l voler che con duo sproni ardenti

 
O d’ardente vertute ornata et calda
alma gentil chui tante carte vergo;
o sol già d’onestate intero albergo,
torre in alto valor fondata et salda;

5o fiamma, o rose sparse in dolce falda
di viva neve, in ch’io mi specchio e tergo;
o piacer onde l’ali al bel viso ergo,
che luce sovra quanti il sol ne scalda:

del vostro nome, se mie rime intese
10fossin sí lunge, avrei pien Tyle et Battro,
la Tana e ’l Nilo, Athlante, Olimpo et Calpe.

Poi che portar nol posso in tutte et quattro
parti del mondo, udrallo il bel paese
ch’Appennin parte, e ’l mar circonda et l’Alpe
.