Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Pommi ove 'l sole occide i fiori et l'erba

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pommi ove 'l sole occide i fiori et l'erba

../Né così bello il sol già mai levarsi ../O d'ardente vertute ornata et calda IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Pommi ove 'l sole occide i fiori et l'erba
Né così bello il sol già mai levarsi O d'ardente vertute ornata et calda

 
Ponmi ove ’l sole occide i fiori et l’erba,
o dove vince lui il ghiaccio et la neve;
ponmi ov’è ’l carro suo temprato et leve,
et ov’è chi ce ’l rende, o chi ce ’l serba;

5ponmi in humil fortuna, od in superba,
al dolce aere sereno, al fosco et greve;
ponmi a la notte, al dí lungo ed al breve,
a la matura etate od a l’acerba;

ponmi in cielo, od in terra, od in abisso,
10in alto poggio, in valle ima et palustre,
libero spirto, od a’ suoi membri affisso;

ponmi con fama oscura, o con ilustre:
sarò qual fui, vivrò com’io son visso,
continüando il mio sospir trilustre.