Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Né così bello il sol già mai levarsi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Né così bello il sol già mai levarsi

../Quand'io v'odo parlar sí dolcemente ../Pommi ove 'l sole occide i fiori et l'erba IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Quand'io v'odo parlar sí dolcemente Pommi ove 'l sole occide i fiori et l'erba

 
Né così bello il sol già mai levarsi
quando ’l ciel fosse piú de nebbia scarco,
né dopo pioggia vidi ’l celeste arco
per l’aere in color’ tanti varïarsi,

5in quanti fiammeggiando trasformarsi,
nel dí ch’io presi l’amoroso incarco,
quel viso al quale, et son del mio dir parco,
nulla cosa mortal pote aguagliarsi.

I’ vidi Amor che ’ begli occhi volgea
10soave sí, ch’ogni altra vista oscura
da indi in qua m’incominciò apparere.

Sennuccio, i’ ’l vidi, et l’arco che tendea,
tal che mia vita poi non fu secura,
et è sí vaga ancor del rivedere.