Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Ov'è la fronte, che con picciol cenno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ov'è la fronte, che con picciol cenno

../Quand'io mi volgo indietro a miarar gli anni ../Quanta invidia io ti porto, avara terra IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Quand'io mi volgo indietro a miarar gli anni Quanta invidia io ti porto, avara terra

 
Ov’è la fronte, che con picciol cenno
volgea il mio core in questa parte e ’n quella?
Ov’è ’l bel ciglio, et l’una et l’altra stella
ch’al corso del mio viver lume denno?

5Ov’è ’l valor, la conoscenza e ’l senno?
L’accorta, honesta, humil, dolce favella?
Ove son le bellezze accolte in ella,
che gran tempo di me lor voglia fenno?

Ov’è l’ombra gentil del viso humano
10ch’òra et riposo dava a l’alma stanca,
et là ’ve i miei pensier’ scritti eran tutti?

Ov’è colei che mia vita ebbe in mano?
Quanto al misero mondo, et quanto manca
agli occhi miei che mai non fien asciutti!