Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Quanta invidia io ti porto, avara terra

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Quanta invidia io ti porto, avara terra

../Ov'è la fronte, che con picciol cenno ../Valle che de' lamenti miei se' piena IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Ov'è la fronte, che con picciol cenno Valle che de' lamenti miei se' piena

 
Quanta invidia io ti porto, avara terra,
ch’abbracci quella cui veder m’è tolto,
et mi contendi l’aria del bel volto,
dove pace trovai d’ogni mia guerra!

5Quanta ne porto al ciel, che chiude et serra
et sí cupidamente à in sé raccolto
lo spirto da le belle membra sciolto,
et per altrui sí rado si diserra!

Quanta invidia a quell’anime che ’n sorte
10ànno or sua santa et dolce compagnia
la qual io cercai sempre con tal brama!

Quant’a la dispietata et dura Morte,
ch’avendo spento in lei la vita mia,
stassi né suoi begli occhi, et me non chiama!