Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Quand'io veggio dal ciel scender l'Aurora

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Quand'io veggio dal ciel scender l'Aurora

../Come va 'l mondo! or mi diletta et piace ../Gli occhi di ch'io parlai sí caldamente IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Come va 'l mondo! or mi diletta et piace Gli occhi di ch'io parlai sí caldamente

 
Quand’io veggio dal ciel scender l’Aurora
co la fronte di rose et co’ crin’ d’oro,
Amor m’assale, ond’io mi discoloro,
et dico sospirando: Ivi è Laura ora.

5O felice Titon, tu sai ben l’ora
da ricovrare il tuo caro tesoro:
ma io che debbo far del dolce alloro?
che se ’l vo’ riveder, conven ch’io mora.

I vostri dipartir’ non son sí duri,
10ch’almen di notte suol tornar colei
che non â schifo le tue bianche chiome:

le mie notti fa triste, e i giorni oscuri,
quella che n’à portato i penser’ miei,
né di sè m’à lasciato altro che ’l nome.