Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Gli occhi di ch'io parlai sí caldamente

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Gli occhi di ch'io parlai sí caldamente

../Quand'io veggio dal ciel scender l'Aurora ../S'io avesse pensato che sí care IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Quand'io veggio dal ciel scender l'Aurora S'io avesse pensato che sí care

 
Gli occhi di ch’io parlai sí caldamente,
et le braccia et le mani et i piedi e ’l viso,
che m’avean sí da me stesso diviso,
et fatto singular da l’altra gente;

5le crespe chiome d’òr puro lucente
e ’l lampeggiar de l’angelico riso,
che solean fare in terra un paradiso,
poca polvere son, che nulla sente.

Et io pur vivo, onde mi doglio et sdegno,
10rimaso senza ’l lume ch’amai tanto,
in gran fortuna e ’n disarmato legno.

Or sia qui fine al mio amoroso canto:
secca è la vena de l’usato ingegno,
et la cetera mia rivolta in pianto.