Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/S'io avesse pensato che sí care

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
S'io avesse pensato che sí care

../Gli occhi di ch'io parlai sí caldamente ../Soleasi nel mio cor star bella et viva IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Gli occhi di ch'io parlai sí caldamente Soleasi nel mio cor star bella et viva

 
S’io avesse pensato che sí care
fossin le voci de’ sospir’ miei in rima,
fatte l’avrei, dal sospirar mio prima,
in numero piú spesse, in stil piú rare.

5Morta colei che mi facea parlare,
et che si stava de’ pensier’ miei in cima,
non posso, et non ò piú sí dolce lima,
rime aspre et fosche far soavi et chiare.

Et certo ogni mio studio in quel tempo era
10pur di sfogare il doloroso core
in qualche modo, non d’acquistar fama.

Pianger cercai, non già del pianto honore:
or vorrei ben piacer; ma quella altera
tacito stanco dopo sé mi chiama.