Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Quel foco ch'i' pensai che fosse spento

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Quel foco ch'i' pensai che fosse spento

../Perch'al viso d'Amor portava insegna ../Se col cieco desir che 'l cor distrugge IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Perch'al viso d'Amor portava insegna Se col cieco desir che 'l cor distrugge

 
Quel foco ch’i’ pensai che fosse spento
dal freddo tempo et da l’età men fresca,
fiamma et martir ne l’anima rinfresca.

Non fur mai tutte spente, a quel ch’i’ veggio,
5ma ricoperte alquanto le faville,
et temo no ’l secondo error sia peggio.
Per lagrime ch’i’ spargo a mille a mille
conven che ’l duol per gli occhi si distille
dal cor, ch’à seco le faville et l’ésca:
10non pur qual fu, ma pare a me che cresca.

Qual foco non avrian già spento et morto
l’onde che gli occhi tristi versan sempre?
Amor, avegna mi sia tardi accorto,
vòl che tra duo contrari mi distempre;
15et tende lacci in sí diverse tempre,
che quand’ò piú speranza che ’l cor n’esca,
allor piú nel bel viso mi rinvesca.