Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Quel vago, dolce, caro, honesto sguardo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Quel vago, dolce, caro, honesto sguardo

../O giorno, o hora, o ultimo momento ../Solea da la fontana di mia vita IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

O giorno, o hora, o ultimo momento Solea da la fontana di mia vita

 
Quel vago, dolce, caro, honesto sguardo
dir parea: - To’ di me quel che tu pôi,
ché mai piú qui non mi vedrai da poi
ch’avrai quinci il pe’ mosso, a mover tardo. -

5Intellecto veloce piú che pardo,
pigro in antivedere i dolor’ tuoi,
come non vedestú nelli occhi suoi
quel che ved’ora, ond’io mi struggo et ardo?

Taciti sfavillando oltra lor modo,
10dicean: - O lumi amici che gran tempo
con tal dolcezza feste di noi specchi,

il ciel n’aspetta: a voi parrà per tempo;
ma chi ne strinse qui, dissolve il nodo,
e ’l vostro per farv’ira, vuol che ’nvecchi. -