Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/O giorno, o hora, o ultimo momento

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
O giorno, o hora, o ultimo momento

../L'ultimo, lasso, de' miei giorni allegri ../Quel vago, dolce, caro, honesto sguardo IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

L'ultimo, lasso, de' miei giorni allegri Quel vago, dolce, caro, honesto sguardo

 
O giorno, o hora, o ultimo momento,
o stelle congiurate a ’mpoverirme!
O fido sguardo, or che volei tu dirme,
partend’io per non esser mai contento?

5Or conosco i miei danni, or mi risento:
ch’i’ credeva (ahi, credenze vane e ’nfirme)
perder parte, non tutto, al dipartirme;
quante speranze se ne porta il vento!

Ché già ’l contrario era ordinato in cielo,
10spegner l’almo mio lume ond’io vivea,
et scritto era in sua dolce amara vista;

ma ’nnanzi agli occhi m’era post’un velo
che mi fea non veder quel ch’i’ vedea,
per far mia vita súbito piú trista.