Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Quel vago impallidir che 'l dolce riso

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Quel vago impallidir che 'l dolce riso

../Dicesette anni à già rivolto il cielo ../Amor, Fortuna et la mia mente, schiva IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Dicesette anni à già rivolto il cielo Amor, Fortuna et la mia mente, schiva

 
Quel vago impallidir che ’l dolce riso
d’un’amorosa nebbia ricoperse,
con tanta maiestade al cor s’offerse
che li si fece incontr’a mezzo ’l viso.

5Conobbi allor sí come in paradiso
vede l’un l’altro, in tal guisa s’aperse
quel pietoso penser ch’altri non scerse:
ma vidil’ io, ch’altrove non m’affiso.

Ogni angelica vista, ogni atto humile
10che già mai in donna ov’amor fosse apparve,
fôra uno sdegno a lato a quel ch’i’ dico.

Chinava a terra il bel guardo gentile,
et tacendo dicea, come a me parve:
Chi m’allontana il mio fedele amico?