Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Dicesette anni à già rivolto il cielo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dicesette anni à già rivolto il cielo

../Or vedi, Amor, che giovenetta donna ../Quel vago impallidir che 'l dolce riso IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Or vedi, Amor, che giovenetta donna Quel vago impallidir che 'l dolce riso

 
Dicesette anni à già rivolto il cielo
poi che ’mprima arsi, et già mai non mi spensi;
ma quando aven ch’al mio stato ripensi,
sento nel mezzo de le fiamme un gielo.

5Vero è ’l proverbio, ch’altri cangia il pelo
anzi che ’l vezzo, et per lentar i sensi
gli umani affecti non son meno intensi:
ciò ne fa l’ombra ria del grave velo.

Oïme lasso, e quando fia quel giorno
10che, mirando il fuggir degli anni miei,
esca del foco, et di sí lunghe pene?

Vedrò mai il dí che pur quant’io vorrei
quel’aria dolce del bel viso adorno
piaccia a quest’occhi, et quanto si convene?