Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Qui dove mezzo son, Sennuccio mio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Qui dove mezzo son, Sennuccio mio

../Sennuccio, i' vo' che sapi in qual manera ../De l'empia Babilonia, ond'è fuggita IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Sennuccio, i' vo' che sapi in qual manera De l'empia Babilonia, ond'è fuggita

 
Qui dove mezzo son, Sennuccio mio,
(cosí ci foss’io intero, et voi contento),
venni fuggendo la tempesta e ’l vento
c’ànno súbito fatto il tempo rio.

5Qui son securo: et vo’ vi dir perch’io
non come soglio il folgorar pavento,
et perché mitigato, nonché spento,
né-micha trovo il mio ardente desio.

Tosto che giunto a l’amorosa reggia
10vidi onde nacque l’aura dolce et pura
ch’acqueta l’aere, et mette i tuoni in bando,

Amor ne l’alma, ov’ella signoreggia,
raccese ’l foco, et spense la paura:
che farrei dunque gli occhi suoi guardando?