Canzoniere (Rerum vulgarium fragmenta)/Sennuccio, i' vo' che sapi in qual manera

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sennuccio, i' vo' che sapi in qual manera

../La donna che 'l mio cor nel viso porta ../Qui dove mezzo son, Sennuccio mio IncludiIntestazione 22 settembre 2008 75% Poesie

Sennuccio, i' vo' che sapi in qual manera
La donna che 'l mio cor nel viso porta Qui dove mezzo son, Sennuccio mio

 
Sennuccio, i’ vo’ che sapi in qual manera
tractato sono, et qual vita è la mia:
ardomi et struggo anchor com’io solia;
l’aura mi volve, et son pur quel ch’i’m’era.

5Qui tutta humile, et qui la vidi altera,
or aspra, or piana, or dispietata, or pia;
or vestirsi honestate, or leggiadria,
or mansüeta, or disdegnosa et fera.

Qui cantò dolcemente, et qui s’assise;
10qui si rivolse, et qui rattenne il passo;
qui co’ begli occhi mi trafisse il core;

qui disse una parola, et qui sorrise;
qui cangiò ’l viso. In questi pensier’, lasso,
nocte et dí tiemmi il signor nostro Amore.